Italia, Ventura: “Abbiamo iniziato una rivoluzione. Balotelli? Deve stupire”

Italia, Ventura: “Abbiamo iniziato una rivoluzione. Balotelli? Deve stupire”

Italia, Ventura: “Abbiamo iniziato una rivoluzione. Balotelli? Deve stupire”

chiudi

Il commissario tecnico della Nazionale ha analizzato l’inizio della sua carriera azzurra, allontanando il paragone con Conte: “All’inizio era normale, ma una volta che si inizia a lavorare…

Giampiero Ventura, ct della Nazionale italiana, ha concesso quest’oggi una lunga intervista ai microfoni di Sky Sport 24. Questi alcuni dei passaggi salienti del colloquio avuto dall’ex tecnico granata con i colleghi dell’emittente satellitare: “Al di là dei grandi pilastri della Nazionale, c’era da rinnovare per restare competitivi. Bisognava decidere quando avviare il cambiamento e prima degli impegni con Liechtenstein e Spagna, avendo cinque giorni a disposizione per lavorare, mi sono detto ‘ora o mai più’. Da lì siamo partiti e devo ringraziare tutti perché ho trovato grande disponibilità. L’Europeo aveva lasciato un grande entusiasmo ma anche un’Italia anagraficamente un po’ avanti con gli anni, quell’entusiasmo andava sfruttato per iniziare un nuovo percorso“.

Conte

Uno dei leitmotiv dei suoi primi mesi da ct è stato il costante paragone col suo predecessore, Antonio Conte: “Arrivavamo da un ottimo Europeo, è normale che Antonio entrasse in tutte le domande. I paragoni ci stanno nel calcio, ma una volta fatti poi si inizia a lavorare con il nuovo corso. Delle critiche ricevute inizialmente, l’unica cosa che mi ha lasciato perplesso è paragonare Euro 2016 alle qualificazioni mondiali. Non è corretto, perché un Europeo lo prepari con quaranta giorni di lavoro, una partita di qualificazione con due“.

Balotelli

Ventura è poi tornato sull’argomento Balotelli, da molti invocato per un ritorno in Nazionale: “Non sono io a dover stupire, ma lui, facendo quello che le sue potenzialità gli permetterebbero di fare. Questa Italia ha bisogno di un singolo al servizio di una squadra, non possiamo permetterci di fare il contrario. Balotelli deve confrontarsi con tutto il resto, poi prendere una decisione e scegliere se iniziare un percorso per prendersi l’onore e la gloria che le sue capacità potrebbero regalargli: le porte sono aperte per tutti“.

Daniele De Rossi e Mario Balotelli.

Daniele De Rossi e Mario Balotelli