Euro-Napoli, missione compiuta: ottavi conquistati, piegato il Benfica per 2-1

Euro-Napoli, missione compiuta: ottavi conquistati, piegato il Benfica per 2-1

Euro-Napoli, missione compiuta: ottavi conquistati, piegato il Benfica per 2-1

chiudi

Decidono le reti nella ripresa di Callejon e Mertens, inutile il goal di Jimenez. La qualificazione era comunque già assicurata per la sconfitta del Besiktas a Kiev

Il Napoli di Sarri, tecnico al debutto in Champions League, si è qualificato per gli ottavi di finale, battendo il Benfica nell’ultima sfida del girone al Da Luz di Lisbona. La gara, a dirla tutta, si è giocata più a Kiev che non nella capitale portoghese. Alle due squadre infatti sarebbe bastato un pareggio per ottenere la qualificazione in caso di sconfitta del Besiktas contro la Dinamo, e la sconfitta dei turchi è maturata già nei primi minuti, visto che ha concluso il primo tempo in Ucraina sotto di quattro reti e di un uomo (il finale sarà di 6-0 e due espulsioni). Nella ripresa, difatti, Benfica e Napoli si sono contesi solo il primo posto, aggiudicato alla fine meritatamente dal Napoli, al termine di una prestazione convincente che premia la società dimostratasi ampiamente migliore nel girone.

Callejon una certezza, Mertens implacabile

Partita divertente fin dai primi minuti al Da Luz, con le squadre che mostrano aggressività e voglia di far male all’avversario, pur commettendo diversi errori frutti del nervosismo. Il risultato di Kiev, incanalato fin dai primi minuti verso i binari più favorevoli al Benfica e al Napoli, ha però creato già dopo una ventina di minuti una situazione surreale, con la tensione che sugli spalti si scioglieva in gioia e soddisfazione, togliendo agonismo ai protagonisti in campo. Difatti, con la qualificazione in tasca, nella ripresa le due formazioni sono scese in campo con la testa libera e tanta voglia di divertirsi. In tali situazioni, il Napoli si è dimostrato migliore sotto tutti i punti di vista rispetto ai rivali e, dopo essersi divorato più volte il vantaggio con Callejon e Gabbiadini, è riuscito a rompere gli equilibri proprio con lo spagnolo al 60′: grande palla in profondità del neoentrato Mertens per Calleti, che a tu per tu con Ederson è andato a segno con un colpo sotto di destro. 1-0 e Napoli padrone del campo, con il possesso palla che è salito d’intensità e qualità fino a portare al raddoppio di Mertens al minuto settantanove: bravissimo il folletto belga a superare con un dribbling secco Luisao e a piazzare un destro preciso alla destra del portiere lusitano. Nel finale ha riaperto i giochi Jimenez, bravo ad approfittare di una clamorosa topica difensiva di Albiol, che difatti gli regala la sfera permettendogli di involarsi da solo davanti a Reina. Il Benfica ha provato così nel finale a chiudere il Napoli nella propria metà campo, ma la reazione è stata tardiva, e al termine di tre minuti di recupero gli azzurri (oggi in nero) hanno potuto esultare: vittoria, primato nel girone e ottavi conquistati con tre punti di vantaggio sul Benfica. Lunedì si conoscerà la prossima avversaria per un sogno europeo che può continuare.

José Maria Callejon, al Napoli dal 2013.

José Maria Callejon